Crea sito

Truffa all’INPS: 5 arresti

image_pdfimage_print

Truffa al sistema: 5 bravi giocolieri?

Truffa all’INPS. Carpivano i dati in Comune e distraevano a proprio favore ingenti somme.Ora in 5 pagano il raggiro

  • Truffa: un gioco vecchio quanto il mondo. I cui risultati tuttavia, non vanno ad incidere solo sulla vita dei giocatori,ma anche delle pedine. Difatti, mentre le tasche di 5 persone si riempivano, le casse di qualche banca si svuotavano. Purtroppo, a danno di INPS ed erario. Oltre che dei pensionati malcapitati.
  • Le indagini* Piú in particolare, i carabinieri, hanno indagato 5 cittadini italiani per : truffa, accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico. E sostituzione di persona.
  • Gli arresti* I militari del Comando Provinciale di Roma infatti,coordinati dalla procura, hanno arrestato gli indagati.
  • La truffa*Perché, nella specie, gli arrestati riuscivano ad ottenere: prestiti, finanziamenti, cessioni del quinto. Il tutto con la modifica delle coordinate di accredito della pensione. Attraverso l’appropriazione fraudolenta di documentazione INPS, quale: OBSM, CUD e Statini paga. Tutti dati appartenenti a top manager pensionati. Difatti, con la compiacenza di un dipendente INPS e di uno del Comune di Roma, i 5 italiani inpiantavano un intricato sistema di truffa. Scendendo in dettaglio, gli indagati, reperivano i dati reali dei documenti di identità, ricercati e comunicati ad hoc,tramite accertamenti anagrafici.

Gli accertamenti anagrafici

  • All’anagrafe* Le indagini anagrafiche effettivamente, erano finalizzate a riprodurre carte di identità e codici fiscali falsi. Sugli stessi infatti,i presunti truffatori, apponevano: oltre che le foto dei pensionati ,le immagini corrispondenti alla persona degli indagati.
  • I provvedimenti * Al termine dell’indagine, battezzata “Robin Hood”, i soggetti, su disposizione del GIP della capitale, finiscono in manette. Uno in carcere e quattro ai domiciliari.
  • Conclusioni* Al di la di quanto possano essere coinvolti gli indagati, questi eventi ci fanno comprendere: quanto vulnerabili possano diventare le banche dati, finite in mani sbagliate. Difatti, ne fanno le spese : i cittadini ignari, le banche ed i grossi uffici come l’INPS! Tra l’altro questo ci fa capire, che senza fiducia, cade qualunque rapporto. Ed anche il piú raffinato meccanismo di difesa.
articolo in formato voce
spot articolo

Leggi anche: reddito di cittadinanza:domande da integrare;

Share this:

WhatsApp chat