Crea sito

Esercizio abusivo della professione

image_pdfimage_print

Esercizio abusivo di professione sanitaria: 2 persone nei guai

Esercizio abusivo della professione: quel campanello d’allarme che ha disarmato i fiduciosi pazienti. Di chi bisogna fidarsi?

  • La salute é un bene prezioso.Molto spesso riconosciuto come tale, da chi non l’ha mai avuta.O da chi pur avendola, vive accanto a chi l’ha persa. E chi piú del malato o di un suo prossimo congiunto, puó sapere quanto fragili e bisognosi di rassicurazioni ci si senta in tali circostanze? Non dobbiamo nasconderci quindi, che il medico o l’esperto sanitario,vengono considerati :una luce in fondo al tunnel. Una scintilla che guida il paziente nel decorso di una malattia. Dispensando consigli preziosi. Per superare questa fase, affrontandola con la giusta determinazione. Poche battute di premessa queste, per sottolineare l’affidamento che ogni paziente ripone nel medico. D’altronde ,la mia domanda ,viene di conseguenza. Come ci si sente sapendo che chi ci ha curato si é posto in condizioni di esercizio abusivo della professione? Cioé :é un sedicente medico? Che non ha mai sfogliato un libro di medicina?
  • A Perugia e Brescia ** Per rimanere in tema dunque, in questi giorni, alcuni pazienti di Perugia e Brescia se la sono vista brutta. I Nas, nel corso di 2 distinte operazioni, hanno denunciato, in stato di libertà, 2 persone, con l’accusa di esercizio abusivo di una professione sanitaria.
  • Perugia * In particolare, i militari di Perugia, hanno individuato :un sedicente professionista sanitario umbro. Che come rappresentante legale di un centro riabilitativo, praticava l’attività terapeutica. Nonostante fosse privo della specifica abilitazione.

Brescia

  • A Brescia i Carabinieri del Nas invece, hanno denunciato una persona. Questa, esercitava l’attività di medico chirurgo e fisioterapista ,in uno studio privato. Ovviamente anche egli, in mancanza dei titoli previsti dalla normativa vigente.
  • Nel corso dell’ operazione, i militari lombardi ,hanno sequestrato l’intera struttura. Compresi mobili ed attrezzature mediche. Il tutto ,per un valore complessivo di 400.000 euro circa.
  • Riflessioni* Questi eventi purtroppo, non possono che lasciarci sconcertati! Con la paura, un giorno, di non ritrovarci davanti un medico. Nonostante il sanitario, cerchi oltremodo di rassicurarci sulla sua professionalità. Ma dico io: possibile che prima di ricevere delle cure, dobbiamo accertarci se un sanitario sia tale?
articolo in formato voce
spot articolo

Leggi anche :Fumavano in ospedale:duesanzionati;

Share this:

WhatsApp chat