Crea sito

Chiesa: l’indulgenza plenaria per coronavirus

image_pdfimage_print

La Chiesa decreta l’indulgenza plenaria per : malati, operatori socio-sanitari e per chi prega per la loro salvezza

La Chiesa decide per l’indulgenza plenaria per tutti i protagonisti del coronavirus

  • La Chiesa offre la possibilità di ottenere l’Indulgenza plenaria ai fedeli malati di Coronavirus, agli operatori sanitari; ai familiari e a tutti coloro che a qualsivoglia titolo, anche con la preghiera, si prendono cura di essi. Lo stabilisce un Decreto della Penitenzieria apostolica pubblicato ieri; firmato dal cardinale penitenziere maggiore Mauro Piacenza e dal reggente, monsignor Krzysztof Nykiel.

La lettera di accompagnamento

  • Inoltre, la Penitenzieria – afferma una nota che accompagna il Decreto – per “la gravità delle attuali circostanze”; e “soprattutto nei luoghi maggiormente interessati dal contagio pandemico; e fino a quando il fenomeno non rientrerà”, ricorda la possibilità di impartire “l’assoluzione collettiva”, cioè a più fedeli insieme, “senza la previa confessione individuale”.

Come si ottiene l’indulgenza plenaria?

  • Per avere l’Indulgenza plenaria, i malati di coronavirus, quanti sono sottoposti a regime di quarantena, nonché gli operatori socio- sanitari e i familiari che, si espongono al rischio di contagio per assistere chi è colpito dal Covid-19; potranno anche semplicemente recitare il Credo, il Padre nostro e una preghiera a Maria.
  • Gli altri potranno scegliere tra varie opzioni: visitare il Santissimo Sacramento o l’adorazione eucaristica o la lettura delle Sacre Scritture per almeno mezz’ora; oppure la recita del Rosario, la Via Crucis, o la recita della Coroncina della Divina Misericordia ; chiedendo a Dio la cessazione dell’epidemia, il sollievo per i malati e la salvezza eterna di quanti il Signore ha chiamato a sé.
  • L’Indulgenza plenaria può essere ottenuta anche dal fedele che in punto di morte si trovasse nell’impossibilità di ricevere il sacramento dell’Unzione degli infermi e del Viatico: in questo caso si raccomanda l’uso del crocifisso o della croce.

Leggi L’ora-di-religione;

Share this:

WhatsApp chat