Crea sito

Andrea, il primo pescatore di uomini

image_pdfimage_print

Andrea e le prime scelte di Gesú

Andrea, fratello di Pietro e Santo pescatore di uomini

  • Oggi la Chiesa ricorda Andrea. Il primo Santo a comparire nel racconto dei Vangeli. Ecco come lo raccontano gli esperti.

Il primo incontro

  • Tra gli apostoli è il primo che incontriamo nei Vangeli: il pescatore Andrea, nato a Bethsaida di Galilea, fratello di Simon Pietro. Il Vangelo di Giovanni (cap. 1) ce lo mostra con un amico; mentre segue la predicazione del Battista; il quale, vedendo passare Gesù da lui battezzato il giorno prima, esclama: “Ecco l’agnello di Dio!”.

Parole che segnano

  • Parole che immediatamente spingono Andrea e il suo amico verso Gesù: lo raggiungono, gli parlano e Andrea corre poi a informare il fratello: “Abbiamo trovato il Messia!”. Poco dopo, ecco pure Simone davanti a Gesù il quale “fissando lo sguardo su di lui, disse: “Tu sei Simone, figlio di Giovanni: ti chiamerai Cefa””. Questa è la presentazione

La chiamata

  • Poi viene la chiamata. I due fratelli sono tornati al loro lavoro di pescatori sul “mare di Galilea”: ma lasciano tutto di colpo quando arriva Gesù e dice: “Seguitemi, vi farò pescatori di uomini” (Matteo 4,18-20).

Il discorso di gesú

  • Troviamo poi Andrea nel gruppetto – con Pietro, Giacomo e Giovanni – che sul monte degli Ulivi; “in disparte”; interroga Gesù sui segni degli ultimi tempi. E la risposta è nota come il “discorso escatologico” del Signore; che insegna come ci si deve preparare alla venuta del Figlio dell’Uomo ; “con grande potenza e gloria” (Marco 13).

Altre apparizioni

  • Infine; il nome di Andrea; compare nel primo capitolo degli Atti ; con quelli degli altri apostoli; diretti a Gerusalemme dopo l’Ascensione.

Poco piú

  • E poi la Scrittura non dice altro di lui; mentre ne parlano alcuni testi apocrifi; ossia non canonici. Uno di questi, del II secolo; pubblicato nel 1740 da L.A. Muratori; afferma che Andrea ha incoraggiato Giovanni a scrivere il suo Vangelo. E un testo copto contiene questa benedizione di Gesù ad Andrea: “Tu sarai una colonna di luce nel mio regno, in Gerusalemme, la mia città prediletta. Amen”. Lo storico Eusebio di Cesarea (ca. 265-340) scrive che Andrea predica il Vangelo in Asia Minore e nella Russia meridionale. Poi, passato in Grecia, guida i cristiani di Patrasso.

Una croce a forme di X

  • E qui subisce il martirio per crocifissione: appeso con funi a testa in giù, secondo una tradizione, a una croce in forma di X; quella detta poi “croce di Sant’Andrea”. Questo accade intorno all’anno 60, il 30 novembre. Nel 357 i suoi resti vengono portati a Costantinopoli; ma il capo, tranne un frammento, resta a Patrasso. Nel 1206, durante l’occupazione di Costantinopoli (quarta crociata) il legato pontificio cardinale Capuano, di Amalfi, trasferisce quelle reliquie in Italia. E nel 1208 gli amalfitani le accolgono solennemente nella cripta del loro Duomo. Quando nel 1460 i Turchi invadono la Grecia, il capo dell’Apostolo viene portato da Patrasso a Roma; dove sarà custodito in San Pietro per cinque secoli. Ossia fino a quando il papa Paolo VI, nel 1964, farà restituire la reliquia alla Chiesa di Patrasso.

Leggi: La-solennita-di-tutti-i-santi-curiosita-dalla-storia;

Share this:

WhatsApp chat